AAM Manifesto

Appunti A Margine Manifesto

Malgrado la finzione della pagina bianca, scriviamo sempre su pagine già scritte.

−De Certeau, 1990, L’invetion du quotidien. I Arts de faire, Éditions Gallimard, tr. it., L’invenzione del quotidiano, Edizioni Lavoro, Roma, 2001

 


Viviamo una vita fatta a pagine e quello che facciamo non è niente più niente meno che impaginazione.


Se la pagina bianca è una finzione, è meglio prenderne consapevolezza. Nell’era della tanto conclamata innovazione tecnologica non è tanto (e se) quanto di nuovo si riesce a scrivere, quanto come e se si è ancora in grado di leggere (e rileggere).
Appunti a margine è un’opera di rilettura: intende mettere a frutto anni e anni, pagine e pagine di appunti che seguono alla lettura.


Letture, spunti, appunti.
Il processo è semplice: qualsiasi cosa si legga, si seleziona, quando si seleziona si ha uno spunto. Labile è il momento in cui lo spunto diventa appunto.
Il processo è semplice, ma richiede del tempo.
Appunti a margine raccoglie i risultati di questo processo: rende in forma breve quello che è un lavoro lungo. Nella rilettura, restituisce i risultati di un lavoro, quello della lettura.


Appunti a margine è punto di partenza e punto d’arrivo allo stesso tempo.